Comunità Fantasy
 
IndiceFAQCercaRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» I miei soggetti di sceneggiatura
Da The Candyman Mer Ott 04, 2017 9:08 am

» Vendo Warhammer quest edizione 1995
Da aekold78 Sab Ago 05, 2017 12:21 pm

» Vendo Tempesta di magia nuovo + carte
Da aekold78 Sab Ago 05, 2017 12:21 pm

» Libri consigliati sull'alto medioevo
Da Sephiroth Sab Lug 22, 2017 4:19 pm

» Pittura su commissione
Da aekold78 Gio Lug 20, 2017 2:09 pm

» Vendo nomads infinity nuovi
Da aekold78 Gio Lug 20, 2017 1:19 pm

» Vendo earth reborn come nuovo!
Da aekold78 Gio Lug 20, 2017 1:07 pm

» 4 anni da moderatore
Da The Candyman Gio Lug 20, 2017 11:59 am

» Una canzone al giorno (?)
Da B4rcy Sab Lug 01, 2017 5:36 pm

» Diablo 3
Da B4rcy Sab Lug 01, 2017 5:33 pm

Parole chiave

Condividere | 
 

 Le Cronache

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Zendra
Fondatore
Fondatore


Età : 10
Messaggi : 5346

MessaggioTitolo: Le Cronache   Sab Nov 24, 2007 11:06 am



Sul mondo di Krynn qualcosa sta cambiando. Nel continente di Ansalon le popolazioni si sentono abbandonate dagli Dei. Nuvole temporalesche si stanno affacciando all’orizzonte e sono cariche di guerra e sofferenze. In un tranquillo villaggio alcuni amici si sono dati appuntamento, dopo un’ordalia che li ha portati in giro per il mondo alla ricerca di risposte. Nella sala comune di Otik, davanti a un piatto di patate speziate, un mezz’elfo, un Kender, due gemelli, un nano e un futuro cavaliere si preparano ad assistere a un avvenimento che li sconvolgerà e che cambierà completamente la loro vita e quella del mondo intero.
Eroi loro malgrado, Tanis, Caramon, Raistlin, Thas, Flint e i loro compagni attraverseranno un continente in fiamme, viaggiando per paesi misteriosi e maledetti, e testimoni e protagonisti dei più alti sacrifici e dei tradimenti più profondi.
Creature antiche e dimenticate si stanno risvegliando e la guerra della Lance sta cominciando. Il mondo di Krynn non sarà mai più l0
stesso...
Una premessa è necessaria. Le Cronache della Dragonlance sono una trilogia; a mio modesto parere, però, la loro migliore edizione è il volume unico che riunisce tutti e tre i libri. “I Draghi del Crepuscolo d’Autunno”, “I Draghi della Notte d’Inverno” e i “Draghi dell’Alba di Primavera” presi singolarmente sono piuttosto brevi e si finiscono in brevissimo tempo, visto il trasporto con il quale li si legge. In un unico tomo, sebbene voluminoso, soddisfano maggiormente il lettore.
Che vi piaccia l’ambientazione D&D o meno, mi spiace dirvelo, ma dovete leggere le Cronache della Dragonlance. La trilogia diMargaret Weis e Tracy Hickman, sebbene in modo differente rispetto ad altre pietre miliari, è uno dei pilastri della fantasy moderna quanto i vari David Eddings, Terry Brooks, ecc...
I personaggi creati dalla coppia americana hanno ispirato un’infinità di lettori.
Non desidero in alcun modo fornire riferimenti narrativi di una trilogia così carica di colpi di scena e momenti epici da elevarsi al di sopra di qualsiasi romanzo D&D mai scritto. Sì, avete capito bene: con buona pace di Salvatore & Co. e del mondo dei Forgotten Realms, questa “trilogia dei draghi” è (forse insieme alla trilogia successiva) il meglio che l’ambientazione D&D abbia mai creato.
La mia apologia non sta certo a significare che i libri in oggetto siano privi di pecche, ma i pregi sono tali che si possono anche ignorare alcune lacune e godersi la narrazione.
Visto che questa è però una recensione, valutiamo insieme anche i punti deboli della trilogia.
La trama segue la classica struttura del fantasy anni ‘80: una serie di quest affrontate da un gruppo di personaggi eterogeneo, che compongono il tipico gruppo d’avventurieri D&D. Ci sono un mago, un guerriero, un cavaliere, un ladro, un mezz’elfo un po’ tuttofare, un barbaro, un chierico e alcune belle eroine delicate, ma allo stesso tempo piene di forza. I nemici sono crudeli e terribili e sembrano difficilmente battibili. Veramente niente di nuovo; le radici di questa struttura si trovano nell’immenso Il Signore degli Anelli e ancor prima nei cicli bretoni, nell’Anello dei Nibelunghi, nella Gerusalemme Liberata, eccetera eccetera. Spade, libri magici, medaglioni, bastoni sono gli oggetti delle cerche. Anche qui niente di nuovo.
Una saga di questo tipo, che narra le vicende di una guerra tra i Signori dei Draghi e il mondo intero, a parer mio affronta l’aspetto militare e tattico in maniera inadeguata. Gli scontri in realtà ci sono e sono veramente epici: la Torre del Sommo Chierico, le battaglia a cavallo dei Draghi, la Cittadella Volante (mi perdonerete se devo mantenermi per forza vago) sono momenti fondamentali all’interno della vicenda. Tali scontri sono però quasi sempre narrati con un immaginario zoom fissato sui protagonisti. Tattica e strategia non trovano lo spazio che meriterebbero in una trilogia di questo tipo — e contrariamente a quanto si possa pensare, non appesantiscono un libro.
L’ambientazione D&D è talvolta accostata a una narrativa per bambini e in parte questa affermazione può anche essere vera. Maghi, Elfi, Nani, Mezzelfi e Draghi stanno vieppiù scomparendo dalla letteratura fantasy. D’altro canto, però, nei libri di Weis e Hickman ci sono temi che solo un po’ d’esperienza nella vita aiuta a capire meglio: ambizione, crudeltà, amore fraterno, dubbio, senso d’appartenenza e così via.
Se tali pecche non vi sembrano sufficienti per bocciare un libro, giustamente, allora si può tranquillamente passare all’analisi degli aspetti che rendono le Cronache della Dragonlance un’esperienza da provare.
Innanzitutto è una trilogia che può essere letta a ogni età, cogliendone sempre aspetti differenti, e tutto questo grazie alla caratterizzazione dei personaggi.
I personaggi: tutto si regge su di loro. Quelli creati dalla penna della coppia americana sono tra i migliori della fantasy moderna. Weis e Hickman nella realizzazione del gruppo principale d’eroi si sono ispirati ad amici e conoscenti, creando in tal modo figure molto reali e attuali.
I dubbi che arrovellano il leader del gruppo, Tanis, sono propri della modernità. Un mezz’elfo, come si evince dalla parola, è un essere incompleto, né uomo, né elfo, che ha vissuto un’esistenza a cavallo tra due mondi nel tentativo di capire quale parte del suo sangue fosse preminente. Figlio di uno stupro e della guerra ha combattuto battaglie interiori e ne è uscito unico e completo. Tanis è un personaggio complesso le cui riflessioni sono articolate e che ben poco c’entra con una fantasy infantile.
Nelle Cronache trova posto Raistlin. Per chi non lo conoscesse è uno dei personaggi più affascinanti che siano mai stati creati. Per me è probabilmente il migliore. Raistlin il mago è un personaggio né buono, né malvagio, che nell’arco degli anni compirà i sacrifici più elevati e i tradimenti più abbietti. Raistlin Majere è il mago assoluto spinto dalla propria ambizione e indissolubilmente legato alla propria magia, alla quale ha sacrificato tutto.
È un personaggio attuale nel vero senso della parola, ha un obiettivo e si prefissa di raggiungerlo a tutti i costi; vediamo tutti i giorni manager, politici e personaggi pubblici con la stessa “sete”. L’intelligenza del personaggio è machiavellica, sembra calcolare tutto, eppure, quando nessuno se l’aspetta, Raistlin è disposto a sacrificare se stesso per i propri amici.
L’amarezza di cui è intriso un personaggio complesso e dalle mille sfaccettature come questo mago ha conquistato generazioni di lettori. Un uomo che vive e agisce a beneficio di un gruppo, dove nella migliore delle ipotesi si è temuti e nella peggiore compatiti.
Avere incessantemente la sensazione d’essere accettati solo perché il fratello gemello è amabile e benvoluto da tutti e, ciononostante, fare tutto il possibile per aiutare coloro che si considerano, comunque, amici, è la summa del carattere di Raistlin. Un personaggio che si sente superiore a chiunque per intelligenza e talento, ma che è disposto a morire per esseri che considera inferiori, perché non accetta di piegarsi (chi ha letto i libri sa a cosa mi riferisco...). Solo su di lui si potrebbero scrivere pagine e pagine.
Se dovessi esaminare tutti i personaggi della saga questa recensione non avrebbe fine. Fatevi un favore e scoprite da soli Sturm, Laurana, Tika, Tas, Flint, Kitiara e gli altri, non ve ne pentirete.
Anche personaggi “minori”, come Dalamar o Lord Soth, sono magistralmente delineati. In poche righe Weis e Hickman hanno la capacità di creare nel lettore immagini e situazioni che raccontano la storia di un personaggio. Pochi tratti di penna valgono una biografia. Alla fine dei libri ci si accorge che forse non si è a conoscenza della vita completa dei propri beniamini, ma si è giunti a una comprensione più profonda, quella del carattere e dell’intima essenza di protagonisti e comprimari.
Le Cronache della Dragonlance sono anche insite di una profonda ironia, che trova perlopiù la propria fonte in Tas il kender e nel mago Fizban, ma che pervade tutti i libri. Tale ironia aiuta anche a rendere i momenti topici del libro ancora più epici. La contrapposizione tra tempi drammatici e divertenti è sempre resa con grande perizia.
I libri di Weis e Hickman sono ben scritti e fluenti. La narrazione non annoia mai ed è intrisa di colpi di scena, che però seguono il filo logico della trama e non sono mai messi a caso solo per ravvivare l’attenzione.
L’espediente di far raccontare a ipotetiche voci fuori campo alcune parti della storia non seguite direttamente dalla trama non dà fastidio e lascia un piacevole senso di curiosità nel lettore: il dono della sintesi...
Le Cronache della Dragonlance sono una trilogia tecnicamente molto ben scritta e gli autori, sebbene non utilizzino una prosa complessa e particolarmente ricca, riescono a rendere perfettamente tutto ciò che desiderano esprimere e comunicare.
Permettetemi un’altra considerazione prima di concludere questa recensione, di primo acchito terribilmente agiografica, in modo tale che si possa maggiormente comprendere perché una votazione così alta per questa trilogia.
Nella fantasy, come nella letteratura in generale, esistono differenti correnti, tutte ugualmente lodevoli e meritevoli d’attenzione in virtù della legge del “de gustibus”.
È ovvio che Le Cronache della Dragonlance non siano paragonabili in senso assoluto a un’opera come Il Signore degli Anelli (uno dei pochi libri al quale darei un eccellente), ma all’interno del genere D&D sono sicuramente la trilogia di riferimento; il meglio che sia stato scritto prendendo spunto dal fortunato gioco di ruolo. In quest’ottica un eccellente non deve certo destare scalpore.
Il mio consiglio, per tutti coloro che amano il genere fantasy, è quello di recuperare questi libri e di sfogliarli. Se non ci sarà feeling pazienza, ma se ne verrete attirati, con le Cronache della Dragonlance potrete leggere il meglio del D&D.


Chiunque volesse leggere una breve introduzione ai tre romanzi, legga avanti. Attenzione, però: per quanto minime, queste brevi introduzioni contengono delle anticipazioni (spoiler).

I Draghi del Crepuscolo d’Autunno

Dopo il ritorno dei draghi di Takhisis, gli abitanti del mondo di Krynn disperano di poter ritrovare la pace, ma anche nell’oscurità delle tenebre brilla l’esile bagliore della fiamma della speranza. Un pugno di eroi stringe un’alleanza per sconfiggere i draghi malvagi: la Regina delle Tenebre. Cavalieri, barbari, gnomi, elfi intraprendono dunque la perigliosa ricerca della leggendaria Dragonlance. Riusciranno nell’impresa? Una serie di avventure mozzafiato che trasportano il lettore in un mondo favoloso, variegato eppure immutabile, dove il Bene e il Male si affrontano in una sfida mortale fuori dal tempo.

I Draghi della Notte d’Inverno

Sul mondo incombono orrende sciagure ora che gli eroi sono stati separati. L’oscura profezia e incubi agghiaccianti li tormentano, mentre vanno alla ricerca dei misteriosi globi dei draghi e della leggendaria Dragonlance... Un drappello di eroi risolleva le sorti del mondo ma si tratta di una tregua fragile e precaria, che potrebbe dissolversi per sempre nel freddo pungente d’una notte d’inverno. Cavalieri e barbari, elfi e guerrieri, gnomi, maghi sapienti dai poteri oscuri continuano la loro ricerca della leggendaria Dragonlance e la lotta senza esclusione di colpi contro Takhisis, la Regina delle Tenebre. Il secondo volume de Le Cronache di Dragonlance, un’avvincente puntata dell’eterna lotta del Bene contro il Male.

“I Draghi dell’Alba di Primavera”

L’arrivo della primavera fa rinascere la speranza, gli eroi, armati della leggendaria Dragonlance, combattono per sconfiggere i draghi malvagi, ma anche le proprie debolezze, che potrebbero rivelarsi la causa della rovina del mondo. Il dubbio condurrà Tanis sull’orlo del baratro e Raistlin dovrà scegliere tra le tenebre e la luce, mentre Laurana dovrà ingegnarsi per evitare l’insidiosa trappola che le è stata sapientemente tesa. Ma sarà il misterioso Uomo della Gemma Verde a reggere le sorti della disperata battaglia contro la Regina della Tenebre.


Ultima modifica di il Lun Nov 26, 2007 9:19 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Maresciallo_Helbrecht
Veggente di Zendra
avatar

Età : 32
Località : Svizzera
Messaggi : 12617

MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   Sab Nov 24, 2007 11:49 am

Questa serie l ho letta ormai diversi anni fa ma è semplicemente grandiosa!!!


Non Nobis Domine, Non Nobis Sed Nomine Tuo Da Gloriam - Dictatus Templare

One Ring to rule them all, one Ring to find them, one Ring to bring them all and in the darkness bind them - J.R.R.Tolkien, TlotR
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Uriel
Utente
Utente
avatar

Età : 30
Località : Ventimiglia
Messaggi : 4422

MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   Sab Nov 24, 2007 11:57 am

Anch'io l'ho letta ormai piu di quattro anni fa e mi ricordo che era veramente molto bella, poi per uno come me che ama le Dragonlance :libro:





Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Syon
Utente
Utente
avatar

Età : 36
Località : Parma
Messaggi : 69

MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   Lun Nov 26, 2007 4:02 pm

Anch'io sono appassionato di Dragonlance,ho giocato per tre anni in un server gdr online di Neverwinter night (Krynn Italia)e sono in attesa che lo staff metta a punto il nuovo shard con la medesima ambientazione,ma per NWN2.

Di questa saga le parti che preferisco sono

1-quasi tutte le leggende (il viaggio indietro nel tempo di Raist,Crysania,Caramon e Tass)
2-I draghi dell'estate di fuoco (sono cavaliere di Takhisis inside,ormai :d )

Non mi è piaciuta troppo la guerra delle anime,mentre gli ultimi libri (trilogia del discepolo dell'oscurità) sono carini,e abbastanza scorrevoli,e si da risalto alle divinità minori come Zeboim,Majere e Chemosh :45u:
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Childeberto
Fondatore
Fondatore
avatar

Età : 38
Località : Terracina
Messaggi : 133

MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   Lun Nov 26, 2007 5:37 pm

Ciao a tutti, anch'io sono un appassionato di letteratura fantasy, e Dragonlance è davvero una gran saga.
Ho letto le cronache di dragonlance molto tempo fa, diciamo quando facevo ancora le superiori, e mi sono rimaste davvero nel cuore.
Di recente ho letto altri racconti come Spiriti Eletti della serie Il raduno degli eroi, anche se un po' meno d'azione e più "cospirativo" è davvero fatto molto bene.
Peccato però che la letteratura fantasy di stampo italiana sia un po' in secondo piano, sarebbe davvero una cosa notevole se un italiano riuscisse a toccare i picchi di Margareth Weis e Tracy Hickman.
ciao a tutti :hdf45:
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Syon
Utente
Utente
avatar

Età : 36
Località : Parma
Messaggi : 69

MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   Lun Nov 26, 2007 6:18 pm

Il fantasy italiano propone "Le cronache del mondo emerso" di Lucia Troisi.
Non è male...si fa leggere molto bene.Io sono ancora ai primissimi libri,e non ho ancora visto personaggi caratterizzati come può esserlo un Raistlin,tuttavia credo che andando avanti con la saga migliori nettamente :)
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Childeberto
Fondatore
Fondatore
avatar

Età : 38
Località : Terracina
Messaggi : 133

MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   Lun Nov 26, 2007 9:08 pm

Syon ha scritto:
Il fantasy italiano propone "Le cronache del mondo emerso" di Lucia Troisi.
Non è male...si fa leggere molto bene.Io sono ancora ai primissimi libri,e non ho ancora visto personaggi caratterizzati come può esserlo un Raistlin,tuttavia credo che andando avanti con la saga migliori nettamente :)


Anch'io ne ho sentito parlare, tra l'altro la mia ragazza l'ha anche conosciuta di persona. Appena ho un po' di tempo libero per la lettura vedrò di comprare il primo dei suoi libri così vedrò meglio le armi della concorrenza :sorr:
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Le Cronache   

Tornare in alto Andare in basso
 
Le Cronache
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Cronache del ghiaccio e del fuoco vs La spada della verità
» Spiderwick - Le Cronache
» HBO dà il via alle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Zendra :: LA CITTÀ :: LETTERATURA-
Andare verso: