Comunità Fantasy
 
IndiceFAQCercaLista utentiGruppiRegistrarsiAccedi
Ultimi argomenti
» I miei soggetti di sceneggiatura
Da The Candyman Ven Nov 18, 2016 9:44 am

» Una canzone al giorno (?)
Da B4rcy Dom Nov 06, 2016 12:18 am

» I giochi degli Zendriani!
Da B4rcy Dom Nov 06, 2016 12:12 am

» [VENDO] Esercito Alti Elfi Warhammer Fantasy
Da Blackheart88 Sab Ott 15, 2016 7:31 pm

» Concerti
Da Stefano Lun Set 26, 2016 10:42 am

» Kaladesh
Da The Candyman Lun Set 19, 2016 8:16 pm

» [VENDO/SCAMBIO - TO] Compagnia dell'anello
Da fabio_druchii Sab Set 03, 2016 9:45 am

» Eldritch Moon
Da IIRakshaII Sab Ago 13, 2016 10:41 am

» Test d'allineamento (e non solo) per D&D
Da Stefano Lun Lug 25, 2016 3:39 pm

» Elephind
Da The Candyman Lun Lug 11, 2016 12:22 am

Parole chiave
lupi nani alti angeli necron guardia lista uomini caos orki conti elfi bretonnia oscuri vampiro orchi warhammer vendo demoni space impero marine eldar Silvani tiranidi 1500

Condividere | 
 

 I miei soggetti di sceneggiatura

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mer Nov 05, 2014 11:05 am

Allora. Sto giocando a Hitman Absolution e mi è venuto da pensare ad una scenetta-citazione di Profondo Rosso in cui, nascosto tra le teste di un quadro di cui si vede il riflesso allo specchio, c'è proprio il nostro amico 47.  Idea abbastanza insfruttabile ma, come dissi all'inizio, le idee che mi vengono le butto qui perché altrimenti le dimentico (e in sti mesi è già accaduto qualche volta che mi dimenticassi di loggare per buttare qualche visioncina ad cazzum, quindi sto cercando di recuperare la routine)


Poi: l'ambientazione di Primordia (avventura grafica) è decisamente f**a. Ci si può fare sicuramente qualcosa.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Sab Nov 08, 2014 12:35 am

Altro flash che mi è venuto in mente oggi in treno.

Due scagnozzi di una qualche banda/organizzazione importante (anche dal punto di vista della trama) stanno discutendo di qualche cosa tra loro (tipo in uno scantinato o magari in un'officina meccanica. In ogni caso un'ambiente per loro tranquillo e protetto, nel loro quarter generale). Uno di loro è nuovo dell'organizzazione, non un novellino, solamente appena entrato.
Ad un certo punto a questo gli squilla il cellulare/palmare/smartphone: come suoneria ha "HAPPY" di farrel williams o qualche altra canzone di m***a.
Quando l'altro scagnozzo la snte la sua faccia impallidisce, quasi terrorizzata, inizia a dire "oh no no no no NO!", mentre l'altro lo guarda strano, lancia gli occhi al cielo e inizia a rispondere. Di sottofondo si sentono dei passi veloci e nervosi che si avvicinano velocemente.
L'altro scagnozzo vede qualcuno arrivare da fuori l'inquadratura e si sposta/abbassa velocemente. Invece lo scagnozzo al telefono ha appena iniziato a parlare quando gli arrivano una serie di colpi di pistola alla testa (trapassando anche il telefono). Sono stati sparati da un pezzo grosso (abbastanza psicolabile) dell'organizzazione, il quale, continuando a sparare addosso al cadavere e a prenderlo a calci, inizia a urlare incazzatissimo quanto faccia schifo quella canzone e tutto quel genere di musica ripetitiva. Dopo che avrà finito di sfogarsi (la scena sarà cruda, cruenta e splatter), ci sarà un fermo immagine, cambierà la grafica diventando accesa e piena di effetti grafici e comparirà il nome del personaggio, come nel migliore dei film cazzuni. Sarà un nome tipo "Classic Bob" o "Top Class" o "Monsieur" o "Music Ear"


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Lun Dic 22, 2014 3:17 pm

l'altro giorno stavo leggendo (llollando tanto) questa recensione

http://bagniproeliator.it/la-vera-trama-di-pacific-rim/

e non ho potuto fare a meno di immaginarmi una delle cose evidenziate per rendere i mostri immuni alle armi convenzionali, "cazzobubolare con la quantistica".

Quindi: scena tipo Dottor Stranamore con bomba atomica che viene lanciata dall'alto dei cieli, precipita per svariati secondi (non saprei se con musica gasona o malinconica di sottofondo), poi esplode arrivata al mostro, fungo atomico, distruzione del peasaggio e poi bam, il mostro è ancora lì assolutamente intonso.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Dom Gen 25, 2015 5:01 pm

Dai, che in sto periodo mi son già scordato 3 o 4 ideuzze prima che mi ricordassi di buttarle giù.

hmm, a che avevo pensato più?


Ah sì, un assassino che, per evitare reazioni improvvise delle sue vittime, prima le convince che le sta aiutando, ad esempio pensavo alla scenetta dell'assassino in questione che dice alla vittima che lo deve uccidere ma al contempo gli fa l'occhiolino e facendo col labiale la parola "telecamera", "+ a salve" e "stai al gioco", indicando col mento verso un muro dove magari c'è davvero na telecamera. Poi estrae la pistola, fa ancora l'occhiolino e poi lo ammazza sparandogli in sicurezza.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Lun Feb 02, 2015 10:08 pm

ok,
una roba che inizia come i film di Steven Seagal (orribili in tutto e per tutto: luci, sceneggiatura, attori, location, regia, montaggio, ecc ecc), fatti per appagare l'ipocrisia bulla dell'amerrigano medio.

Solo che ad un certo punta si sfonda la quarta parete e un attore si alza, compaiono la trope e le varie attrezzature e sto qua si inizia a lamentare di quanto tutto il film sia orribile e insulso. E poi finirà che di lì a brevissimo tempo si ritroverà in una situazione mille volte più idiota e assurda (tipo arrvano delle forze ultradimensionali a minacciare la terra, arrivano anche delle forze per proteggerla che diranno a sto qua che lui è il prescelto, lui chiedrà loro perché lo è e loro diranno che non c'è tempo per spiegare e gli conferiranno dei superpoteri) e che se la caverà in qualche modo assurdo (tipo superpoteri, combattimenti di arti marziali contro dieci persone in volo dopo essere stati sparati da un cannone gigante, papere giganti con occhi a raggi laser come cavalcature, ecc). Ovviamente si presuppone che questa parte venga girata meglio.

Se fumetto, la prima parte la si potrebbe rendere con quel tratto banalissimo (che io non sopporto) che hanno la maggior parte dei fumetti ad uscite molteplici), la seconda con disegni atipici e completamente diversi.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mar Feb 10, 2015 12:16 pm

un remake italico de Running Man con Gerry Scotti nei panni del presentatore bastardo. Ci starebbe divinamente secondo me.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mar Mar 03, 2015 2:03 pm

Isola dei Famosi con svolta violenta alla Westworld in cui attori famosi interpretano sé stessi.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mer Mar 04, 2015 7:27 pm

Ho in mente da tempo questa scena di un manipolo di soldati/mercenari/scagnozzi (o forse una persona sola cazzuta) armati di lanciafiamme che incendiano un villaggio agricolo/rurale con una delle canzoni di Cleo T. in sottofondo.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mer Mar 11, 2015 10:10 pm

Qualcosa che riprenda il raccontino di Lovecraft Polaris. magari mischiandolo con l'idea in fondo al primo post
Citazione :
un esiliato nel nostro universo (da un qualche cattivone) da un universo fantasy, e ha ormai passato così tanto tempo nel nostro mondo da mettere in dubbio i suoi ricordi sulle sue origini.

Spoiler:
 


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Gio Apr 16, 2015 11:48 am

Qualcosa crudo e duro alla aSoIaF ma con un lessico come I Puffi
"Mettiamolo sulla pira e puffiamolo vivo!!"
"Le mia gambe!! Le mie gambe! MI HANNO PUFFATO LE GAMBE!!!"
"Poverina, è stata puffata da piccola"

ecc.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Dom Giu 21, 2015 12:14 am

il road movie con pokemon su un membro femmina del Team Rocket che ricerca la vendetta sull'eroe di turno per aver ucciso il suo ragazzo nella distruzione del loro Quartier generale.

Pensavo ad un discorso finale sulla linea di

*Ragazza-team-rocket avanza lentamente puntando pistola su Eroe-banale, che è a terra con schiena al muro, mentre i pokemon di entrambi giaciono esausti al suolo (o forse mentre quelli di RTR la spalleggiano boh)*

RTR: "Sai *spara sul muro dietro EB* avevo sempre pensato che durante tutto questo tempo che ho impiegato per trovarti *spara come sopra* avrei sbollito la rabbia, avrei trovato la pace *spara come sopra* e conoscendoti avrei visto che non eri la m***a che pensavo e ti avrei perdonato, o magari tu mi avresti battuta e mi avresti rotto i coglioni con tutte quelle menate sulla moralità * doppio sparo* ma non è stato così. Tu sei esattamente una lurida m***a pseudomoralista a caccia di fama *sparo* Tu, lurida troietta! Al diavolo la redenzione e al diavolo il perdono! MA AVRO' IL MIO LIETO FINE! "*spara mirando in testa ma la pistola è senza proiettili (oppure no, boh).*
*Eroe-banale vede l'occasione e scappa via*
*RTR rinfodera la pistola con un sorrisetto*
RTR: "non avrai creduto DAVVERO che non lo avessi programmato, "eroe"?"
*infila una mano nella scollatura e tira fuori una settima pokeball e la punta contro EB*

RTR: " NOME POKEMON (probabilmente tipo elettrico o fuoco) vieni a me! *pokemon esce* NOME MOSSA ULTRADEVASTANTE!!"

*e EB viene incenerito dale fiamme/dal tuono*


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mar Giu 30, 2015 9:58 am

Un'alternarsi di scene di varie vicende che coinvolgono diversi personaggi (alcuni si rivedranno, altri no).

La vicenda principale riguarda un personaggio maschile etero (o una lesbica) che ha preparato una sorpresa per la sua compagna: invece di essere andato a lavoro, si è nascosto nell'armadio con una torta di compleanno, pronto a saltare fuori al momento opportuno. Si farà capire in qualche modo che è un/una hacker o comunque molto geek/nerd

Una seconda vicenda (per il momento non ho altre vicende in mente, ma ovviamente due sono pochissime, ne servono almeno 4-5) riguarda due giovani ragazzi (o forse due anziani?) che si incontrano a una fermata desolata del bus più volte, conoscendosi pian piano

La prima vicenda verrà sconvolta dall'arrivo dell'amante della compagna del tizio/tizia nascosto nell'armadio, che rimarrà lì dentro a precipitare nell'oblio mentre i due scopano.
Aspetterà finché l'amante non se ne sarà andato, circolando poi per la casa come un ombra, con volto funereo, per non farsi notare. Arriverà all'ingresso e uscirà, lasciando la compagna con un'espressione interrogativa per il rumore della porta che si apre e chiude senza che entri nessuno.
Dopo essere uscito/a si muoverà con vari mezzi (il viaggio durerà molto), con espressione apatica, fino ad arrivare a un garage isolato (o una catapecchia isolata). Lo aprirà con la sua chiave e si rivelerà una postazione computer piena di fili e attrezzatura. Con essa hackererà più sistemi governativi della difesa e scatenerà molteplici testate nucleari su tutto il pianeta. (Le scene dei missili vlanti e delle esplosioni saranno accompagnate da "dedicato" della Berté)

Nella seconda vicenda i toni diventeranno sempre più affettuosi, fino a che una coccinella si poserà sulla mano di uno dei due, che la passerà all'altra dicendo "Tieni ti porterà fortuna". Dopo il passaggio della coccinella, l'esplosione li travlgerà.

Sucessivamente ci saranno vicende post-apocalittiche (potrebbe essere lo stesso universo magicoso della storia dell'inizio con necromante e vampaira.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Gio Lug 02, 2015 8:00 pm

da qualche giorno ho in testa l'immagine di un soave e angelico putto (o più di uno) che svolazza nel cielo trasportando una testata atomica

Non è escluso che l'abbia visto da qualche parte ma non me lo rcordo.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Dom Ott 04, 2015 6:49 pm

Qualcosa su Banderas e la mulino bianco

Tipo Banderas è inizialmente pagato per fini promozionali, ma poi, si fissa morbosamente con la storia del fare i dolci. Le manie di Banderas vengono assecondate dalla mulinobianco, che gli concedono un vero mulino in cui possono tenerlo sotto controllo e non far trapelare la notizia (magari ci starebbe pure bene un sosia di Banderas per le aparizioni mondane, che verrà poi ucciso da Antonio). Ma Banderas sprofonda velocemente in una follia dittatoriale nella conduzione del mulino, le pubblicità sono riprese live action ma da cui sono tagliate moltissime scene, ad esempio quella in cui in cui Banderas mozza le braccia a quello che gli fa gli scherzoni con la brioche falsa, o quella in cui sclera di brutto e va in berserk quando gli si spezza la fetta biscottata mentre ci butta la marmellata. Anche nell'ultima pubblicità della merendina con la tavoletta di cioccolato dentro il giovane ricciolino occhialuto SEMBRA essere una specie di hipster che non sa recitare e che ride senza alcun motivo perché una cosa è buona, ma basta guardarlo negli occhi per capire che il suo comportamento è dato dal terrore che nutre verso una possibile reazione negativa di Banderas, cha ha già dimostrato, e chiaramente, cosa succede sia a chi non apprezza quello che cucina ma anche a chi finge di apprezzare quello che cucina.


Si potrebbe accorpare nell'horror sul signor Balocco


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Sephiroth
CUSTODE DI ZENDRA Amministratore


Età : 25
Località : Torino/Pisa
Messaggi : 5232

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Lun Ott 05, 2015 10:54 am

§ § § :§winner: :§winner: :§winner:


Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Ven Ott 23, 2015 8:30 pm

possibile personaggio di qualcosa: un assassino che uccide spesso fingendosi un povero pappamolle, del tipo si avvicina tremante e con faccia indecisa alla vittima, balbettando, per finta paura, gli fa un discorso (completamente inventato di sana pianta) di come lui sia stato obbligato a farlo perché sennò gli ammazzano la famiglia, dice alla vittima che deve fingere che lui gli ha chiesto una sigaretta perché lo stanno controllando (neanche questo è vero) perché al primo sospetto gli ammazzano la moglie, gli dice anche che ha trovato un modo per far sembrare tutto vero, dice alla vittima che ha una pistola a salve e che ha del sangue finto. Gli passa il sangue finto di nascosto mentre prende la sigaretta e lo istruisce per bene al come reagire allo sparo della pistola a salve.
Dopo averlo fatto tira fuori la pistola silenziata e gli spara più volte. E ovviamente la pistola non è a salve.

EDIT -- comportamento aggiuntivo: stringere amicizia con una delle vittime (a cui dovra però scucire precise informazioni su qualcosa) e farsi dire la canzone preferita per poi rapirlo, chiuderlo in uno scantinato con un orologio messo quasi perpendicolarmente alla sua linea di vista in modo che continui a cercare di leggere l'ora per capire il tempo che passa ma senza mai riuscirci e mettendo a nastro in continua ripetizione la canzone preferita finché non gliela fa odiare.
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Lun Nov 16, 2015 11:47 pm

Allora, sarebbe il sogno senza senso che ho fatto oggi ma ha alcuni spunti interessanti

Ambiente postapocalittico alla Mad Max

Una donna e un uomo (molto simili alle personalità di quell'altra trama postapoc con magia, infatti l'uomo credo fossi io, anche sparisco quasi subito) stanno pianificando un qualcosa per fare qualcosa nei confronti di una struttura (credo naturale) rocciosa che hanno davanti. Nel frattempo si sta svolgendo una gara tra veicoli davanti a loro. Ogni tanto cade qualche motorino (normalissimi motorini) e lor li raccattano e li posizionano in piedi, in fila, direzionati verso la struttura rocciosa, per il suddetto scopo che non ricordo, per utilizzarli per fare invasione della struttura di roccia (con quali soldati non so, visto che son solo loro due). L'uomo osserva quanto sarebbe utile salire in cima all'appuntita e alta struttura di  roccia per poter guardare la gara dall'alto (perché non lo so).

Ad un certo punto sulla struttura compare il nemico, di cui la figura di spicco è un'altra donna, per un qualche motivo nemica della donna precedente.
Inizia lo scontro e dopo un po' la seconda donna sta per battere la prima donna buttandola in una profonda fossa (alla 300).

SALTO TEMPORALE (probabilmente anche spaziale)
Una specie di città cyberpunk-steampunk molto degradata con parecchie infiltrazioni di vegetazione, molto "Golgari", prendendo in prestito Magic.
Ma forse non è la città vera e propria, sembra più di essere sottoterra, il tipico posto dove vivono i superpoveri o esiliati nelle distopie di questo tipo. Molto simile alla città funghizzata del film di Supermario.

Non riesco bene a capire se ora io sono di nuovo imedesimato nella "prima donna" di sopra o sempre nell'uomo (ma penso nella prima donna). In ogni caso ora.

In ogni caso apro aun grata di un grosso condotto di ventilazione e ci trovo la seconda donna che sta cibandosi con qualcosa. L'inimicizia c'è ancora, ma molto più tenue (non so perché). Le chiedo aiuto per non so/non ricordo cosa. Dopo qualche tipico attimo per tensione-da-vecchia-inimicizia accetta. Non è la sola. A fare quello che intendo fare ho radunato anche altre persone, tra cui spiccano gli scialbissimi protagonisti del remake pessimo dei Ghostbusters (un remake che non esiste eh, esisteva solo la scorsa notte nella mia testa).
Non ricordo lo scopo, ma in ogni caso si deve andare nelle profondità della terra, tra tubature, fogne e condotti sempre più vecchi (un po' alla Dark Soul o come in It di King)
Durante un periodo d'accampamento la sensitiva del gruppo (sicuramente questo pezzo è stato ispirato dal paladino di Sandro nella campagna attuale che sto facendo con AchilleXD) avverte tutti che bisogna muoversi che sente arrivare qualcosa di davvero brutto (la sensazione che ha provato il mio io-sognante è quella che provavo le prime volte che sentivo i rumori dei vermi giganti in Terraria), così ci muoviamo in fretta e furia (nel frattempo la mia è diventata un'osservazione dall'esterno, chi impersonavo è sparito dal sogno) e dopo un lungo cunicolo ci ritroviamo davanti una gigantesca cavità con dentro una città fantasma (molto inferno dantesco e un po' Moria). Da essa sorge un fantasma reggente e viene verso il gruppo, avverte tutti di nonricordocosa, gli acchiappafantasmi scialbi discutono di qualcosa e poi confusione e finisce il sogno.


Finendo, ciò che mi è piaciuto di più è l'ambientazione della seconda parte del sogno.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Dom Dic 27, 2015 10:27 am

universo steampunk/cyberpunk la cui tecnologia avanzata esiste grazie alle ingentissime somme di danaro fornite allo sviluppo della nazione anni e anni prima dalla riscoperta ultra-generosità di Ebenezer Scrooge, dopo una notte insonne di rivelazioni.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Dom Dic 27, 2015 11:47 pm

Non so cosa possa essere. In sottofondo c'è Respect di Aretha Franklin



è notte ma sta per sorgere il sole, è ancora buio. La vista è tipo in una città come San Francisco, dall'alto di una delle strade "a salti" l'inquadratura è verso il basso, dove si vede il porto lontano e la strada in discesa a scaloni che si rimpicciolisce. Oppure è il contrario, vista dal basso che guarda l'alto.
Nell'oscurità (a valle o in cima alla collina, a seconda della vista di partenza) si vede lontano qualcosa muoversi. Si avvicina sempre più e piano piano si capisce che è una vettura che risale/scende la stradona. Si avvicina velocemente, come di fretta (nel caso scendesse farebbe dei piccoli salti a ogni scalone di strada). Il veicolo si delinea sempre più come un camper scassato (alla breaking bad) o qualcosa di simile. Arrivato molto vicino il sole sorgerà splendente e starebbe bene se fosse l'esatto momento (nella canzone) del "re-re-re-re-re..." o del "sock it to me...".
Arrivato a toccare in primissimo piano l'inquadratura col paraurti la stessa  cambia "salendo" sul tetto del camper e mostrando bene ciò che gli sta dietro (o magari davanti?), ora illuminato dalla luce del sole. Potrebbe essere la città abbandonata completamente, qualcuno o qualcosa che insegue il camper o robe così.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mer Gen 06, 2016 7:43 pm

4 cose buttate lì

1) Tema supereroistico (ambientazione esempio: gli X- Men sono morti/separati, rimane solo Magneto con confraternita)
Canzone si sottofondo - Un'emozione da poco di Oxa

Un qualche tipo di squadra militare si aggira per le strade di una città. Le gente scappa nella direzione opposta guardandosi indietro. Uno di loro guarda dietro l'angolo della svolta successiva: in fondo alla strada c'è un tizio con delle cuffie e uno stereo per terra collegato ad esse. Le ultime persone scappano via, lasciando lo stradone col tizio desolato.
Il tizio accende lo stereo e la suddetta canzone inizia (non si sa se la squadra militare possa udire la canzone o se le parole/musica siano concesse al lettore/barra spettatore in via eccezionale).
Il drappello di polizia svolta langolo, si dispone in fila e minaccia di aprire il fuoco se il tizio non spegnerà subito lo stereo.
Il tizio non lo fa, la squadra inizia a sparare e il tizio, a ritmo di musica evita/spazza via/rimanda al mittente i proiettili.
Vedendo la situazione, dietro l'angolo, al sicuro, due della squadra confabulano. Uno dice all'altro, sfogliando una confusione di fogli (o magari su un palmare, per essere più al passo coi tempi), che dovrebbe essere un mutante di tipo blabla con carattreristiche blabla. Bisogna comunque sparare allo stereo.
L'altro tizio manda dei cecchini nell'edificio e dà poi l'ordine di sparare allo stereo appena riescono..
Distruggono lo stereo e il tizio che balla viene ferito e arretra un poco, riuscendo a non cadere. Si leva le cuffie e la canzone continua più forte di prima (questa volta i militari la sentono sicuramente).
Poi boh, o muore lui (magari serviva da distrazione per altri) o muoiono i militari.

2) Un ciclista di città che, per non essere incoerente nel fare attività fisica ma respirando smog a tutta birra, ogni volta prima di salire in sella si mete una maschera antigas (che in qualche modo sarà centrale in eventuali sviluppi dello spunto)

3.a)Un'auto con sopra uno o più tizi/e sfreccia a tutta birra dalla città. In sottofondo "che serà serà".
Dopo un po' un cataclisma colpisce l'onda d'urto che travolge la macchina

3.b) sopravvivenza della civilità nel dopo-cataclisma

3.c) il cataclisma non era solo un meteorite ma conteneva un alieno mutaforma. Caccia all'alieno (in stile "La Cosa"). L'alieno viene scovato e ucciso, ma si rivela poi essere una persona come le altre, anche se non umana. Il/La vero/a "malvagio/a" era un altro/a, ed era umano/a.

3.d) Conclusione

4.a) un tizio dalla faccia qualunque viaggia nel bus*. Il bus ha un incidente gravissimo. Muoiono tutti. In atmosfera onirica il tizio riceve la visita della Morte, che gli offre la falce. La sopravvivenza in cambio dello stare al servizio della Morte. Accetta.
Al risveglio è su un letto d'ospedale, dopo un coma di qualche settimana. Dovrà stare in carrozzella per un po'. Una cicatrice strana sul viso, ma crede comunque che fosse un sogn.
A casa però una voce femminile inizia a parlargli. Non era un sogno. La Morte può essere in moltissimi luoghi molto velocemente, ma non proprio dappertutto. Nel terzo/quarto mondo c'è molto più da fare e nelle grandi città usa dei sostituti. Il tempo rallenta/si ferma anche per lui, ma i primi lavori il tizio dovrà comunque farli in carrozzella.
La voce accompagna il tizio nel suo mestiere.
Reticenza della voce sulle sorti del sostituto recedente di quella città
Problemi soliti tipici se la morte coinvolgesse suoi cari/bambini.
Problemi soliti del concilio con vita normale

4.b) C'è un concilio di tutti i sostituti di una parte del mondo.
Il tizio arriva e scopre di essere il solo umano in mezzo a demoni vari.
Il tizio scopre di essere il solo ad avere una voce che gli parla.

*[ o forse era qui che stava la canzone della Oxa?]


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Dom Gen 31, 2016 11:37 pm

Per quanto riguarda

The Candyman ha scritto:


Altra robba è (di nuovo il gruppo di amici, mi sa che diventerà tematica fondamentale delle trame Candymaniane XD) una sorta di giallo in cui un gruppo di conoscenti che si erano separati e sparsi ai quattro venti anni e anni prima decidono di riunirsi per porre termine a una questione in sospeso, ossia un assassinio (una sorta di Assassinio sull'Orient Express visto dalla parte dei killer)

direi, già che c'è la moda dei prequel e dei film trasformati in serie, che l'idea potrebbe essere proprio trasformata in un prequel di Assassinio sull'Orient Express. Ogni stagione/volume avrà ovviamente 12 episodi


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Ven Feb 05, 2016 7:14 pm

Ho sempre considerato Hellboy - The golden army quasi un capolavoro, ma, allo stesso modo, ho sempre detestato il completo abbandono del rapporto Hellboy - Capo della BPRD che viene suggerito alla fine del primo film. Probabile che Adbhull (lui che ha letto i fumetti) guarderà male quello che sto per scrivere, ma secondo me avrebbero dovuto dare a Johann Krauss, e non al capo suddetto, il ruolo del "capo stronzo", e dare il ruolo del "capo complice" al capo, ma senza togliere a quest ultimo l'aura di ridicolaggine che gli hanno affibbiato dall'inizio del film (quella in fondo gli sta bene), praticamente lasciare quasi tutto intatto fino a che lui non dice "lo so".
Magari inserirci un momento (quasi) serietà con un dialogo Hellboy-capo BPRD (non saprei se prima o dopo al momento in cui Red fa la gigioneggiata per farsi vedere dal mondo) in cui quest ultimo lo avverte con un discorso sul "rischio", qualcosa come
"- blablabla...[inserire esempio di vita personale in cui il capo ha evitato di fare una scelta che comportava felicità personale ma anche un rischio, un rischio con bassa percentuale di accadimento ma altissimo danno se il rischio fosse accaduto davvero]...blablabla... non so cosa succederà adesso che hai fatto questa cosa, ma so cosa potrebbe succedere*, magari anche con una probabilità bassissima, ma se abbiamo mantenuto segreta la BPRD per tutto questo tempo, è anche per evitare in toto questo rischio"
- e cos'è che dovrebbe accadere?
- vedremo nei prossimi giorni se accadrà o no"

*ossia venir preso a pesci in faccia dalla gggente


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Mar Feb 16, 2016 9:03 am

- Dare uno o più prequel a Grosso guaio a Chinatown (senza Jack Burton però). Riguardandolo ho notato che ci sono moltissime cose riguardanti il passato che vengono messe lì ma non vengono spiegate (secondo me anche questa è una delle peculiarità che rende l'atmosfera del film magica e particolare).
Ad esempio il fatto che il personaggio di Kim Kattral venga subito definito dalle compagini cinesi come "porta guai"
Poi da dove possano derivare i poteri delle tre bufere
Alla fine del film il personaggio di Victor Wong dice che il suo compito è finito e si metterà a viaggiare. Si potrebbe partire da qui per uno spunto sul suo passato.
Nello scontro finale vi sono Jack Burton contro Lo Pen e Wang Chi contro una delle bufere (quella che poi esplode). Durante lo scontro si vede la bufera fermarsi per un attimo, praticamente senza motivo, e distruggere una scultura di un drago. Pensavo a darcelo il motivo a questa cosa: la distrugge perché tramite essa Lo Pen lo teneva schiavo; la distrugge solo in quel momento perché era sempre sorvegliata prima e perché anche distruggendola non avrebbe potuto vendicarsi e ucidere Lo Pen perché questi non era ancora fatto di carne; ed infine esplode perché per liberarsi della maledizione aveva scoperto che l'unico modo era uccidere Lo Pen con le sue mani, ma è stato anticipato dalla "questione di riflessi" di Kurt Russel
Qualcosa per raccontare la fatica per raccogliere gli ingredienti per il filtro magico e il sacchetto dei sette demoni che vengono usati da Egg Shen per andare in battaglia, e per chiarire i loro potenti effetti.
Anche la battaglia delle dita in stile pad dei videogiochi merita sicuramente un approfondimento.


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
The Candyman
GUARDIANO DI ZENDRA Moderatore


Età : 28
Località : Genova
Messaggi : 3160

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Ven Feb 26, 2016 9:14 am

un qualcosa il cui finale prenda fortemente per il culo il finale di "Non è un paese per vecchi". Ossia una fine con uno dei personaggi principali che racconta un sogno fatto, solo che il sogno è un sogno assolutamente assurdo e stupido, magari proprio il sogno che feci da piccolo su io, Mulder e Scully o quello che feci qualche anno fa sul catalcisma, la neve, manhattan, l'inondazione, puff daddy, i poteri, eccetera


"candy...io a te non ti riesco proprio a capire xd, sei la fusione tra un piadinaro trollatore e un serio amministratore di rete xd..." -kroth [incarnazione #9072345]

Esistono solo due mondi… il tuo mondo, ovvero quello reale, e gli altri mondi, la fantasia.
Mondi come questo sono i mondi dell’immaginazione umana: non è importante quanto siano o non siano reali. Importa solo che ci siano.
Questi mondi offrono un’alternativa. Offrono una fuga. Offrono minaccia e potere, offrono rifugio e dolore.
Danno un senso al tuo mondo. Non esistono. Ed è per questo che sono l’unica cosa che conta
- Books of Magic, Neil Gaiman
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Typhus97
NOVIZIO


Età : 25
Località : torino
Messaggi : 5

MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Sab Apr 02, 2016 7:59 pm

Forse la spiegazione è qua, ma non l'ho vista, posso chiederti cosa siano queste idee? Le usi "a livello professionale"? Fai cortometraggi/mediometraggi amatoriali o semplicemente ti piace buttare giù idee?
Tornare in alto Andare in basso
Vedere il profilo dell'utente
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: I miei soggetti di sceneggiatura   Oggi a 9:26 am

Tornare in alto Andare in basso
 
I miei soggetti di sceneggiatura
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» i miei primi 5 ratti del clan !!!!!!
» i miei ossequi
» KAOS FIRENZE - VENEZIA 66 GRAZIE A TUTTI AMICI MIEI.
» Progetti per le vacanze? Ecco i miei.
» I miei ..numeri fortunati.

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Zendra :: LA CITTÀ :: LETTERATURA :: Sezione scrittura-
Andare verso: