Comunità Fantasy
 
IndiceFAQCercaRegistratiAccedi
Ultimi argomenti
» I miei soggetti di sceneggiatura
Da The Candyman Mer Ott 04, 2017 9:08 am

» Vendo Warhammer quest edizione 1995
Da aekold78 Sab Ago 05, 2017 12:21 pm

» Vendo Tempesta di magia nuovo + carte
Da aekold78 Sab Ago 05, 2017 12:21 pm

» Libri consigliati sull'alto medioevo
Da Sephiroth Sab Lug 22, 2017 4:19 pm

» Pittura su commissione
Da aekold78 Gio Lug 20, 2017 2:09 pm

» Vendo nomads infinity nuovi
Da aekold78 Gio Lug 20, 2017 1:19 pm

» Vendo earth reborn come nuovo!
Da aekold78 Gio Lug 20, 2017 1:07 pm

» 4 anni da moderatore
Da The Candyman Gio Lug 20, 2017 11:59 am

» Una canzone al giorno (?)
Da B4rcy Sab Lug 01, 2017 5:36 pm

» Diablo 3
Da B4rcy Sab Lug 01, 2017 5:33 pm

Parole chiave

Condividere | 
 

 Remniskar Thloth e il Ciclo dell Alhat di Marcello Gnani

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Archmage
Utente
Utente
avatar

Età : 43
Località : Napoli
Messaggi : 1467

MessaggioTitolo: Remniskar Thloth e il Ciclo dell Alhat di Marcello Gnani   Mer Lug 16, 2008 11:20 am





Marcello Gnani è l'autore della superba ambientazione fantasy di Remniskar Thloth dove sono ambientati i romanzi da lui finora scritti.
Dal sito web dell'autore:
"Remniskar Thloth è il nome di un mondo fantastico, permeato di magia, nel quale coloro capaci di padroneggiare i segreti delle arti arcane riescono a compiere prodigi analoghi o superiori a quelli a cui ci hanno abituati la scienza e la tecnologia sulla Terra dell'anno 2000."

Ringraziamo Keyosgaxiburq per averci gentilmente permesso di pubblicare le sue recensioni dei seguenti volumi:
Scegliendo di camminare con la morte
Primo romanzo del ciclo dell'Alhat.
Di questo libro ho apprezzato particolarmente la cura per il dettaglio dell'autore, che riesce, a mio avviso, a trascinare molto efficacemente il lettore dentro alla mentalità e alla cultura dei barbari dei Monti delle Nebbie, e i personaggi ben costruiti e caratterizzati, davvero reali e credibili nelle loro virtù frammiste a umane debolezze.
Mi sono anche piaciute diverse idee originali, come la genesi iniziale causata dall'avvento della Morte, o come la scalata al potere del cattivone di turno, inizialmente demonietto abbastanza insignificante, che riesce ad assurgere al proprio ruolo grazie alla propria audacia e ingegno.
Ho molto gradito anche le appendici.
Naturalmente, come tutti i "primi romanzi" di un ciclo, anche questo viene a tratti rallentato dalle necessità di introduzione all'ambientazione, anche se a me ciò non è pesato particolarmente.
Unico "neo" da me rilevato: i nomi fantasy sono piuttosto inusuali... Ci ho messo un po' prima di riuscire a collegare correttamente a memoria nomi e personaggi.
Nel complesso, dunque, una lettura che ho davvero gradito.

Quarta di copertina
Remniskar Thloth, un mondo pregno di magia, nel quale chi riesce a padroneggiare i segreti dell'occulto è capace di prodigi analoghi o superiori a quelli che, sulla Terra dei giorni nostri, sono garantiti da scienza e tecnologia.
Amnik, una regione insulare periferica di Remniskar Thloth, tagliata fuori dalle principali rotte commerciali e dai grandi giochi di potere.
I Monti delle Nebbie, la regione più misteriosa e selvaggia di Amnik, abitata da reietti, fuoricasta, bizzarre creature... e dalle retrograde tribù dei barbari Alhaturkh, le quali ancora conoscono il significato della parola "onore".
Harikhot, un adolescente Alhaturkh come tanti altri, il quale, assieme agli amici coetanei, è alle prese col difficile, graduale affrancamento dalla fanciullezza.
L'universo, immensa, variegata creazione degli dei, metaforica scacchiera sulla quale le forze del bene e del male preparano accuratamente le proprie mosse... mentre un nuovo attore ha cominciato a tessere le proprie trame...


"Osando sognare"
Secondo romanzo del ciclo dell'Alhat.
Anche in questo libro ho ritrovato quella la cura per il dettaglio che tanto favorevolmente mi avevo impressionato nel primo e i personaggi umani e credibili ai quali mi ero affezionato. Anzi, alcuni di loro si evolvono, rendendosi a mio avviso ancora più interessanti... o, a tratti sorprendendomi. Mi è piaciuo moltissimo lo scheletro, il mago a cui la magia, che per lui era tutto, sembra ormai preclusa.
Buona e scorrevole la trama, che, tra le trame per la caccia a Zaxeras e le vicende dei superstiti del villaggio mi ha abbastanza coinvolto.
Sempre belle le appendici coi glossari e i dettagli aggiuntivi.
In sintesi, mi è piaciuto molto anche questo.

Quarta di copertina
Hàrikhot, l'adolescente degli Alhaturkh che è riuscito a combattere la mostruosa minaccia che incombeva sulla propria tribù. Che ha lottato contro licantropi e demoni. Che ha inferto il decisivo colpo alle smisurate ambizioni del Demone Spettarle Supremo.
Ora è reietto.
Fgèhrhodd, lo scheletro animato che, incontrando la Morte, pare aver trovato una estrema ragione di vita. Il non-morto dal remoto passato di gloria e di magia, nonché dalle innumerevoli precedenti esistenze. L'anima persa conscia della propria ultima occasione per vivere.
Lo accompagna.
Zàxeras, l'enigmatica spada che altro non è se non la Morte reificata. Continuamente braccata dalle più oscure potenze esistenti, perennemente bramose di sottometterla definitivamente al loro dominio. Un concentrato di potere che reca seco rischi inimmaginabili.
Non è ancora al sicuro.
E, nel mentre, le vicissitudini degli ex-compagni di Hàrikhot non sono affatto terminate...



-=- Ogni giorno nuovo materiale per il Regolamento Ventura -=-
Il forum storico di Ventura è gentilmente ospitato da Zendra. Anche se i nostri play by forum sono storia antica oramai
se siete interessati a partecipare a play-by-forum, play-by-chat o play-by-mail contattatemi pure!
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://qdiv.blogspot.com
 
Remniskar Thloth e il Ciclo dell Alhat di Marcello Gnani
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» la storia dell'imperatore
» Scrat dell'era glaciale ( materia verde).
» info guanti dell'idra
» angeli dell'assoluzione...
» movimento dell'attaccante durante una fuga

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
Zendra :: LA CITTÀ :: LETTERATURA-
Andare verso: